Home

IL MONDO SOMMERSO ALLA PORTATA DI TUTTI...

 

Il patrimonio biologico ed archeologico sottomarino è da sempre stato, per sua natura, un patrimonio poco accessibile, nella sua interezza, dalla collettività. Benché l’attività subacquea negli ultimi anni si sia notevolmente sviluppata rispetto al passato, abbracciando classi sociali ed anagrafiche molto più ampie, la fruibilità e conoscenza diretta del mondo sommerso resta un fenomeno di nicchia.

Il Progetto “SOMMERGIAMOCI”, realizzato nell'ambito dell'Avviso Pubblico "Giovani per la valorizzazione dei Beni Pubblici", si propone quindi di rendere finalmente fruibile a tutti, il mondo sommerso attraverso l’utilizzo di tecnologie e metodologie innovative che accompagnino soprattutto le nuove generazioni nell’esperienza subacquea diretta in maniera non invasiva.

 Il progetto, a cura del Centro Studi Interdisciplinari Gaiola onlus, si sviluppa nella Città di Napoli, presso il CeRD (Centro Ricerca e Divulgazione) dell’Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola, d’intesa con la Soprintendenza Archeologia della Campania, ed in collaborazione con le Università di Napoli Parthenope, Facoltà di Scienze e Tecnologie,  e la Federico II.

 

RIVIVERE OGGI LA VILLA IMPERIALE DEL PAUSILYPON
Una fase del Progetto vedrà l’allestimento all’interno del Centro Ricerca e Divulgazione dell’A.M.P di una sala multimediale dove visitatori e studenti si “immergeranno”, attraverso la tecnologia della realtà immersiva e della ricostruzione virtuale 3D, nella Villa Imperiale del Pausilypon che in tutta la sua magnificenza si estendeva sull’ultimo lembo della Collina di Posillipo. Attraverso installazioni multimediali sarà possibile rivivere la vita dell’antica villa marittima romana ma non solo... Il progetto, infatti, vuole fornire anche nuovi strumenti formativi per accompagnare gli studenti attraverso la tecnologia 3d, a comprendere meglio tutti gli aspetti scientifici che caratterizzano l’area a partire dalla sua complessa storia geologica.

UN’AULA IN FONDO AL MARE
La sala multimediale che sarà allestita presso il Centro Ricerca e Divulgazione dell’A.M.P., sarà anche una vera e propria “Stanza in fondo al mare”, dove gli studenti si “immergeranno” tra i fondali del Parco, osservando la immagini 3D trasmesse in tempo reale da biologi ed archeologi in immersione, interagendo direttamente con essi come se fossero i loro compagni reali di immersione. Attraverso il Portale Sommergiamoci, inoltre sarà possibile trasmettere le immagini in presa diretta dai fondali anche direttamente sul web, nelle aule scolastiche ed universitarie, sperimentando nuove metodologie di apprendimento attivo dell’universo marino.

IL RITORNO AL MARE DELLE NUOVE GENERAZIONI
Uno dei target principali del progetto saranno i giovani.
E’ noto che l’apprendimento mediante l’esperienza diretta può rappresentare un importante arricchimento, al fine di innescare leve motivazionali nuove. L’impossibilità di una interazione diretta con l’universo marino è alla base della scarsa percezione da parte dei giovani della risorsa mare. La necessità e la voglia di riscoperta dell’universo marino è evidente dai dati sull’andamento delle attività didattico formative al Parco negli ultimi anni.

I GIOVANI COINVOLTI
800 studenti universitari e giovani laureati, provenienti da C.d.L. i cui piani di studio siano affini alle tematiche inerenti la biologia marina, l’archeologia, la tutela e valorizzazione delle risorse marine e del patrimonio culturale.

1200 studenti della scuola secondaria di secondo grado con i quali verranno sperimentate le nuove metodologie didattico-comunicative attraverso un’interazione diretta con il mondo sommerso. Sarà privilegiata la partecipazione al progetto di studenti provenienti da aree degradate e a rischio dispersione scolastica.

-- VISITA IL SITO WWW.SOMMERGIAMOCI.IT --

COLLABORA CON NOI AL PROGETTO SOMMERGIAMOCI!

Stiamo selezionando giovani naturalisti, biologi, archeologi, informatici, architetti, subacquei

INVIA LA TUA CANDIDATURA

 

 

Progetto cofinanziato da

Partners:


©2015 Centro Studi Interdisciplinari Gaiola onlus - All rights reserved